sabato 27 aprile 2013

Assaporando un dolce ricordo!!

 Assaporare un ricordo!
Così come i profumi possono rievocare tanti ricordi.. anche il cibo ottiene questo effetto!
Almeno per me!
Ho mangiato spesso questa pietanza, che fra poco vi farò vedere. Ma è quando mi sono cimentata nel prepararla come  faceva la mia mamma che mi sono riaffiorati i ricordi più cari e, concedetemelo, commoventi.
 Sto parlando del "capretto al forno"! Cucinato in modo semplice ma dal sapore ed un profumo, per me, unici.
 Mamma lo preparava così: faceva bollire il capretto per almeno un'ora (per due volte). Un quarto d'ora la prima, buttava quell'acqua di cottura, lo rimetteva sul fuoco con altra acqua salata e  lo faceva bollire per i restanti trequarti d'ora. Così mi sembra ricordare...
Dopo lo metteva in una pirofila con le patate tagliate a tocchetti, odori vari e via in forno caldo (180°circa) per mezz'ora coperto con un foglio d'alluminio e poi il tempo necessario a farlo dorare.
 Sarò stata capace di riprodurre quel sapore?
 Questo è stato il risultato

  Mah... sono rimasta perplessa anch'io quando l'ho visto! :(
  Quello della mamma lo si mangiava anche con gli occhi!!!
  Mi pare di ricordare....mamma faceva un pò bollire le patate prima di metterle assieme al capretto!!
  Pazienza!
  Preparo i piatti per me e mio marito ed iniziamo a mangiare...
  Al primo boccone però, tenerissimo, riassaporo la mia mamma... e tanti ricordi riaffiorano.....! Tanti bellissimi ricordi!!
  Il capretto, infatti, era una pietanza che era un classico nelle cene delle varie vigilie di capodanno a casa nostra e delle Pasque trascorse a Melicuccà!
  Quante belle serate! Spensierate ed allegre!
  Con recite di rito...! Recite in piena regola! Mia cugina T. scriveva dei copioni dove ognuno aveva la sua parte. Spesso si trattava di parodie del tipo I promessi sposi piuttosto che Dallas...etc.!
  E quello che ci divertiva di più è che ci si doveva anche travestire per rendere i personaggi più...credibili!! ...anzi... incredibili! 
  Alla fine ci prendeva la classica "stupidera", risata collettiva con le lacrime agli occhi!
  Bastava guardarci l'un l'altra per scoppiare in sonore, quanto liberatorie risate ed aspettare il nuovo anno all'insegna dell'allegria e dei buoni propositi!
Altra storia le Pasque in quel di Melicuccà, paese natìo della nonna, mia omonima, il generale Cadorna...tanto per intenderci!!
C'erano ancora due sorelle, signorine, le più giovani di dieci figli (per la cronaca...mia nonna nacque nel 1895!!!) !!
  In questo bella casa...ormai più sgarrupata che mai :( ....con un giardino fantastico, ancor oggi ben curato e vissuto dai nipoti che ogni estate si rituffano in famiglia e nello splendido mare della Tonnara di Palmi, ci si ritrovava sempre con gioia, spesso accanto al braciere, immancabile centro d'ascolto delle storie di famiglia che le pro-zie ci raccontavano!!
 Ed anche oggi, con tutte le vicessitudini che la vita inevitabilmente ci ha fatto attraversare (e continua...), quando d'estate si organizza un incontro con le generazioni che ne sono derivate è sempre una gran festa ed anche coloro che non ci sono più, sono presenti nei racconti e nei nostri cuori con la gioia e la spensieratezza che, crescendo, non fa più parte del nostro quotidiano...
Ecco, mi è bastato un sol boccone del "Capretto come lo preparava la mia mamma" per rivivere momenti di assoluto piacere!
  E credo che per molti sarà così.... per fortuna!!! 
 E' questa l'immortalità?
Cara Francesca, ti regalo queste mie emozioni, forse un po' confuse, per il tuo contest "Il Sapore dei Ricordi" che sono certa sarà pieno di ricordi, più o meno lieti, ma che sono una parte assolutamente importante della vita di ognuno di noi!

26 commenti:

  1. Cara ziabianca, hai aperto una splendida porta dei ricordi, e lo hai fatto come sai fare tu, in maniera lieve e delicata. Sono sicura che il tuo capretto è stato all'altezza di quello di zia Assunta. Mi mancano i suoi piatti prelibati e non solo quelli...è proprio vero che un odore o un sapore di riporta in un tempo lontano. Un abbraccio. La cugina T.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice che il primo commento sia il tuo! :D
      Perchè sono certa che sono emozioni comuni quelle raccontate in questo post dove, mi accorgo ora, non ho fatto alcun riferimento temporale...
      Forse perchè siamo sempre noi... sia annieannifa...con loro presenti... sia ora ...con loro nei nostri cuori e nelle nostre azioni!!
      Un bacio cugina T. :*
      b. :)

      Elimina
  2. Mia cara Bianca , proprio questo non riesco a mangiarlo, mi sembra di avere un bimbo nel piatto..
    Sono le mie "paturnie"cerebrali... e pensare che quando ero piccina, la mia nonna lo faceva spesso e buono che era...
    Mah!!!
    Un bacio super amca mia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so bene, Nella cara! Ho amici che come te hanno cambiato rotta! Un pò l'invidio... ma credo che debba "scattare" qualcosa a livello mentale che ci faccia guardare la stessa cosa... ma con occhi diversi!
      ..io...confesso la mia debolezza...!!!
      Un super bacio!
      :)

      Elimina
  3. Cara Bianca, è bellissimo leggere le emozioni delle mie amiche, grazie grazie di cuore. In bocca al lupo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Francesca!
      Ci giravo un pò intorno al tuo contest...rimandavo...non volevo che il mio post fosse triste e malinconico!!
      Certo un pò di nostalgia ce l'ho.... ma con il sorriso sulle labbra!
      :D

      Elimina
  4. Bianca che bel post commovente...a me fa lo stesso effetto cucinare i piatti delle mie nonne, ormai morte, e mi emoziono quando cucino con mia madre...bellissimo il tuo capretto e poi è fatto con amore...un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Caterina per le tue parole!
      Un piatto può racchiudere tanti bei ricordi!!
      Besos!
      :D

      Elimina
  5. che tenerezza questi ricordi! ma...anche il capretto mi fa tenerezza! tanto! poverino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheheh!!!
      Un bacioooooooooooooooooooooo!!!!!!!!!!!!!!!
      :*

      Elimina
  6. Cucinare i piatti dei nostri cari è un'emozione indescrivibile, ce li fa sentire ancora vicine ed è uno dei modi per farli conoscere e ricordare.
    Perciò i piatti, anche i più semplici, proprio perchè fatti con amore, sono i più appetitosi.
    Buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, Barbara!
      E' sicuramente un modo per rimanere sempre "insieme"!!!
      Un bacio!

      Elimina
  7. Ho letto questo post con gli occhi che pizzicano e quella sensazione digonfiore sul cuore..perchè penso che ognuno di noi ha dei ricordi così emozionanti e intensi di spensieratezza e nostalgia...e i profumi e i sapori sono indissolutilmente legati a queste sensazioni. spero di regalare a mia figlia le stesse cose che mia mamma e la mia famiglia hanno regalato a me...ricordi bellissimi e indelebili. Grazie a te perchè stamani con questo post, mi hai fatto riemergere un 'subbuglio' di emozioni. Ti seguo...buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Simona per queste tue parole!
      Sono certa che sarai un'ottima guida per tua figlia!
      Mi ha emozionata leggerti!
      Grazie ancora :)
      bianca

      Elimina
  8. è vero il cibo non soddisfa solo il gusto e lo stomaco, spesso è anche nutrimento per l'anima e questo post lo dimostra. Mi hai fatto sentire profumi e sensazioni che non ho mai provato non facendo parte della compagnia che hai così bene descritto. I sentimenti e i ricordi passano per le strade più inaspettate e a volte impervie. Brava!
    (ero venuta qui per vedere un resoconto del contest di ieri e ho avuto comunque una bella sorpresa)
    baci

    RispondiElimina
  9. Ciao Sere!!!
    mi piace molto quello che hai scritto! Per me significa che sono riuscita a trasmettere le mie emozioni in modo efficace!!!!
    ...al prossimo post!!!!! ;)
    baci ed a presto

    RispondiElimina
  10. C'è un premio per te nel mio blog!

    RispondiElimina
  11. Ciao Bianca!!! grazie per essere passata dal mio blog!!!
    Hai proprio ragione alcuni piatti hanno il sapore dei ricordi ed è bello poter riviverli ogni tanto.
    Anch'io associo alcuni piatti, sapori o odori alla mia infanzia
    ti seguo con piacere
    Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sara!
      Sono proprio conterta di averti qui!!!
      Un bacione!
      :D

      Elimina
  12. Grazie Bianca. I love your post and I like my first visit.
    Hope to see you again.
    No parlo italiano.
    Tengo otro blog con un reto solicario. Recetas BBSS, buenas, baratas, sencilla y sanas
    http://recetasbbss.blogspot.com.es/2013/04/2-reto-bbss-recetas-primavera-verano.html
    Buona notte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marisa!!! Benvenuta!
      Passo sen'altro da otro tuo blog!!!!
      Ricordo poco dello spagnolo studiato all'università...ma un pò ti comprendo bene... altrimenti mi aiuto con google translate!!!!
      a presto!
      :D

      Elimina
  13. Ciao,nuova follower grazie a Spicchi del gusto,se ti va passa da ma.^__^
    Mara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mara!
      Benvenuta e grazie per la visita!!!
      La crema...al limone mi piace un sacco...Vengo subito da te!!!
      :D

      Elimina

Sono sempre molto contenta quando leggo i commenti!
Altrimenti... che senso avrebbe tutto questo?
Grazie a tutti!!! :)