martedì 25 dicembre 2012

....è stata premiata?

...bhè volevo che rimanesse traccia in questo blog la cena della Vigilia di questo Natale...!
 Avrete notato ...eravamo solo in quattro!!
 Eppure ...noi siamo una di quelle famiglie....allargate! Forse più che allargate....direi.....sparse di qua e di là!  :)
Ma va bene così, l'importante è che ognuno abbia trascorso questa serata nella più assoluta serenità!
Quando so che i miei cari stanno bene....sto bene anch'io!
  Veniamo al menu. 
 Le foto sono pochine e non ce ne sono ASSOLUTAMENTE della varie preparazioni! Mi volevate morta? :D
 Pertanto ho cucinato ricette già postate sul blog ed a cui vi riporto con i link!
Per il Calamaro ripieno vi riporto alla ricetta del Totano ripieno (qui), cambiando solo qualche piccolo dettaglio: nel ripieno ci sono anche olive nere (ma potete mettere quello che vi pare). L'ho cotto prima in forno, poi l'ho fatto raffreddare, l'ho taglaito a fette, adagiato in una pirofila, inumidito con una emulsione di olio, aglio, prezzemolo, sale ed un goccio d'acqua, coperto con carta alluminio ed, infine, passato in forno solo per circa 5 minuti affinchè si scaldasse e rimanesse più umido!
  Per i Gamberoni infilzati potete dare uno sguardo qui! Ma ho variato qualcosa. Molto semplicemente ho tolto testa e coda al gamberone, l'ho infilzato in uno stecco lungo, dopo ho tolto il carapace, l'ho impanato seguendo quest'ordine: farina-uovo battuto -farina - uovo battuto -pangrattato! Fritti in abbondante olio (io di semi) e serviti semplicemente con un pò di limone (ma sono buonissimi anche al naturale)!
 Che ve ne pare....ci siamo trattati bene?


Natale 2012


  L'attesa, comunque, è stata "ingannata" con olive ripiene alla messinese, salmone e pescespada affumicati, insalata russa, etc. che si intravedono nel post precedente.

lunedì 24 dicembre 2012

L'attesa......

buon natale a tutti da zia bianca!!

giovedì 20 dicembre 2012

Sedani con il Baccalà

 Sedani con il baccalà? Sedani è il nome del formato di pasta che ho adoperato per poter gustare un primo piatto...da leccarsi i baffi!!!
 Ha o non ha un aspetto invitante? Spero di sì! :)


 Con la parte finale del baccalà ho preparato un delizioso sughetto.
In una padella ho fatto leggermente soffriggere, in olio evo, uno spicchio d'aglio, un pò di cipolla, due-tre pomodorini pachino ed una patata tagliati a tocchetti.
 Dopo qualche minuto ho aggiunto il baccalà (dopo aver controllato se ci fosse qualche spina) ed ho fatto cuocere (a coperchio chiuso) fino a quando le patate non si sono stracotte (nel caso servisse, si aggiunge un pò d'acqua).


 A questo punto, ho levato la pelle del baccalà e con una forchetta ho "schiacciato" grossolaneamente il tutto, fino ad ottenere una purea abbastanza densa e con qualche pezzetto di pesce in vista!
 Non ho aggiunto sale poichè il baccalà era abbastanza saporito.
    Scolata al dente la pasta, l'ho versata in padella e fatta amalgamare con il sugo.






Finito! Nei piatti e....anche oggi abbiamo mangiato (diceva mio nonno !!)!!! ;)


martedì 18 dicembre 2012

Filetti di Baccalà fritti

   Buono il Baccalà...vero? 
Un modo molto semplice e relativamente veloce per gustarselo, è prepararlo così: infarinato e fritto.
Ho acquistato i filetti già ammollati dal mio 'fornitore ufficiale di Omega 3' a Messina (in via XXIV Maggio) .....il signor Gaspare !!!
Il risultato è questo!



   Procediamo con ordine.
Prediamo il baccalà e ricaviamone il filetto ....

.... che taglieremo a rondelle.

   Asciughiamo ben benino i pezzi con della carta da cucina...



...e li infariniamo.



Iniziamo a friggerli in abbondante olio di semi...

 ...e li scoliamo su della carta da cucina!  

  
     Sono pronti!  Buonissimi!!
  Siate cauti con il sale poichè il baccalà (anche se abbondantemente lavato) rimane sempre abbastanza saporito!

lunedì 17 dicembre 2012

...uno....due...tre....e.....QUATTRO!!! Il Regalo è...servito!

   Ce lo avevano promesso e, puntuale, è arrivato il quarto regalo dagli autori di Blog di Cucina 2.0... forse quello più interessante e che, in un certo senso, da il giusto senso del "Natale a tavola" che, oggi più che mai, deve portarci a fare riflettere su molte cose tra cui gli sprechi a cui andiamo incontro in queste giornate frenetiche che porteranno alla sera della Vigilia.
 Ecco....anche noi blogger del cibo, per la maggior parte a livello amatoriale, che cerchiamo di stupire con pietanze da grand gourmet, dobbiamo sentire la responsabilità di mandare un messaggio, che  oserei definire 'eat-etico', affinchè una cucina speciale sia tale non necessariamente per i cibi "super raffinati" ma anche per la fantasia con la quale una semplice patata viene trasformata in "duchessa" con semplici accorgimenti e senza bacchetta magica!
   Ed è proprio con questi obiettivi che gli autori di Blog di Cucina 2.0 hanno dato vita a questo progetto editoriale elettronico: avere rispetto per il cibo che quotidianamente abbiamo sulla nostra tavola, essere consapevoli che ancora oggi, alle soglie del 2013, c'è chi soffre la fame, considerare gli "avanzi" come ingredienti per nuove ricette, informare il pubblico in maniera “sana e pulita” facendo propria l’ideologia anti-spreco e fare qualcosa di concreto per il Pianeta e per la qualità della vita di chi lo abita.
  Ecco il link per scaricare gratis questo Speciale Natale Etico:
http://www.blogdicucina.it/gratis-ricette-gratis/download/?did=10

  Se vi siete persi gli altri tre, inserisco i link ai post da dove potete scaricarli!!


 

   E se volete un'idea regalo a costo... 2.0 ....scaricate gli e-book, stampateli, infiocchettateli e regalateli!!!
...ed ancora, più semplicemente (a costo "quasipuntozero")...scaricateli, copiateli su un cd, fate una bella copertina con le quattro immagini...e potete anche spedirlo!!!
  Secondo me sarà un regalo più che gradito!!! :D
AUGURI!!!!!

sabato 15 dicembre 2012

Polpettine saporite....in brodo

   E' da un pò che giacevano negli album fotografici... si saranno raffreddate?
   Facezie a parte... queste polpettine saporite sono l'ideale in queste fredde giornate invernali.


  Gli ingredienti sono quelli abituali delle polpette: carne macinata, salsiccia, uovo, pane ammorbidito nel latte, parmigiano, prezzemolo, aglio (a piacere), un pizzico di sale.
  Dato che c'è la salsiccia consiglio di assaggiare prima di aggiungere il sale e, per chi lo desidera, un pò di pepe nero.


  Appena il brodo che più vi piace inizierà a bollire, immergete le polpettine ed in circa una ventina di minuti dovranno essere cotte (dipende ovviamente dalla loro dimensione).
  Servirle con una generosa spolverata di parmigiano!
  Buon appetito!!




venerdì 14 dicembre 2012

....e TRE!!! ....terzo regalo da I Migliori Blog di Cucina

   Babbo Natale passa prima dai Migliori Blog di Cucina perchè sa che spesso e volentieri, per non disturbarlo troppo noi, amanti delle preparazioni casalinghe ed orgogliosi delle nostre specialità culinarie, preferiamo regalare a parenti ed amici (specialmente in periodo di "spending review") i nostri dolci "casalinghi" che vengono apprezzati doppiamente sia per la bontà sia per il tempo dedicato a prepararli!!
  E quindi.....vai con il regalo n. 3
dove sicuramente troveremo tante belle idee, dolci e salate, da realizzare e donare ! 
:)


...ed ora attendiamo il regalo n. 4....!

giovedì 13 dicembre 2012

I Migliori Blog di Cucina 2.0 ..regalo n. 2 !!!!


...ogni promessa è debito!!!
...approfittiamo, quindi, del leggero (?) stato di ebbrezza di "quelli di 2.0" e accaparriamoci subito il secondo regalo pre-natalizio!!!
 Per le cene e/o pranzi di Natale è d'obbligo anche saper abbinare un vino a tutti quei piatti che andranno ad imbandire le nostre tavole e che dopo ore ed ore di frenetico lavoro sia per cucinarli ma anche per la dovuta accurata presentazione (+la spesa, +i regali, +gli addobbi, +il presepe... che chissà perchè piacciono a tutti ...ma il "fortunato vincitore" è uno solo - anzi SOLA)  una scelta "infelice" potrebbe compromettere tutta la nostra fatica!!
   Questo secondo regalo, tutto da bere, che ci viene giusto in aiuto qualche giorno prima di Natale, lo possiamo scaricare gratuitamente cliccando qui!
Cin Cin!!!

martedì 11 dicembre 2012

Insalata di Pescestocco

  Qualcuno storcerà il naso ma, a me, il Pescestocco (clicca qui se non lo conosci)piace molto ed è gradito a tutti i miei familiari ed amici (la maggior parte).
Questo è il modo più semplice per gustarlo (sia d'estate che d'inverno)...

 Lessare il pescestocco in acqua salata.
Pulirlo perfettamente dalle spine e dalla pelle.
Farlo raffreddare.
Nel frattempo preparare un'emulsione con olio evo, aglio, prezzemolo, limone.




  Condire il pescestocco e farlo riposare un paio d'ore prima di servirlo in tavola.

  Più semplice di così!!!!! :) 

....e sono felice di partecipare al Contest de 
 

domenica 9 dicembre 2012

I Migliori Blog di Cucina 2.0 ...augurano Buon Natale e ci regalano....

 ...come si dice... "noblesse oblige" - "c'è chi può e chi non può" - "la classe non è acqua" - "signori si nasce" - etc. etc.!
....e per questo  i Migliori Blog di Cucina 2.0  non potevano che iniziare da ora a fare i regali di Natale con una eccezionale serie di  sorprese!
   Questo è il primo di 3 magnifici Speciali di Cucina che porteranno al quarto dedicato al Natale! Un regalo di BlogDiCucina.it
   Lo speciale Marmellate e Confetture  spiegherà, certo,  come prepararle, ma suggerirà anche tante idee per utilizzarle in fantastiche e particolari ricette!!!!
 Che ne dite? E'....un "signor" regalo?
 Potete scaricarlo gratuitamente da questo indirizzo: 
 



Non siate egoisti e condividetelo con i vostri amici!! Io...l'ho fatto!!!!!
...Appuntamento alla prossima sorpresa!
                                                    zia bianca ;)
  

mercoledì 5 dicembre 2012

Caponata di Melanzane ...passo passo!

  Avevo già postato la mia Caponata di Melanzane...ma senza foto della preparazione! 
  E dato che l'ho preparata per un pranzo organizzato da carissimi amici, ho pensato di riproporla in maniera più dettagliata ma anche più sintetica...!!
 Aspettavamo circa venti persone e la caponata era prevista tra gli antipasti..

 E questo è il risultato.....

 Due giorni prima dell'evento....
 ho iniziato affettando due cipolle bianche (medio-grandi) e due gambi di sedano fresco.
 In una capiente padella ho versato olio evo ed ho fatto cuocere a fuoco lento, a coperchio semi-chiuso, il battuto appena preparato.

  Dopo una abbondante mezz'ora ho aggiunto quasi un chilo di pomodori pelati (frutto del prezioso lavoro della mia amica Silvia, insuperabile nel preparare conserve di tutti i sapori)

che ho schiacciato direttamente in padella aiutandomi con un mestolo di legno...




 Sempre a fuoco lento ed a coperchio semi chiuso, ho fatto cuocere il sugo per circa un'ora.

Nel frattempo ho iniziato a preparare le melanzane...un lavoraccio!
Ho tagliato a tocchetti CINQUE melanzane grandi che grazie ai meravigliosi coltelli della mia amica ho affettato con estrema facilità.
 Che cosa non ha Silvia nelle sue cucine....!!!!!!!
Ho messo le melanzane così tagliate in una grande ciotola in acqua e sale.
Intanto ho tagliato circa 400g di olive verdi snocciolate a rondelle e lavati dall'aceto circa 150g di capperi eoliani!!!
Una mescolata al sugo ogni tanto, aggiunta di sale (se no me lo dimentico) e via a friggere le melanzane.
In una pentola ho versato più di un litro d'olio evo e mentre si scaldava, aiutata da Valerio, ho iniziato a strizzare le melanzane ed asciugarle con dei canovacci, per eliminare meglio tutta l'acqua.


 Man mano che le friggevo le scolavo semplicemente con una schiumarola e le mettevo in una ciotola trasparente e le aggiustavo di sale.
Questo non vuol dire che sia indispensabile una ciotola  trasparente...ma dalla foto sembra che le versi sul piano della cucina... :)!!!!



Andiamo a vedere il sugo a cui Silvia, nel frattempo, ha aggiunto le ulive e dopo circa venti minuti anche i capperi!

  Ed ora viene il bello....
 Dato che si deve amalgamare il tutto (sugo+melanzane), spolverizzare con lo zucchero e sfumare con l'aceto...... una padella non è sufficiente!
 Abbiamo dovuto, quindi, usare due padelle.


A questo punto, per eliminare l'olio in eccesso, ho versato la caponata in uno scolapasta e l'ho lasciata "riposare" per tutta la notte.


 La mattina dopo, è stata fatta assaggiare al padrone di casa che ci ha consigliato di aggiungere ancora un pò di zucchero ed aceto.
 Nessun problema: in un pentolino ho versato un bicchiere d'aceto e tre cucchiai abbondanti di zucchero.
 Sul fuoco fino a che non diventasse "fluido" e l'ho versato sulla caponata.
 Va poi conservata in un contenitore ermetico, in frigorifero, per almeno un giorno intero (meglio due)!!!
 Un'ultima mescolata prima di servirla e voilà....le jeux sont fait....!!!!!!!!!!!